Il Letto a scomparsa tecnologicamente avanzato

Il Letto a scomparsa tecnologicamente avanzato

Sono due le dimensioni principali del nostro universo: il tempo e lo spazio. Entrambe sono correlate quando scegliamo una casa, il mondo corre e abbiamo sempre meno tempo, optiamo quindi per case con poco spazio, piccole, che possano ospitarci quel tanto che serva, che siano facili e veloci da pulire e spesso dobbiamo trovare dei piccoli escamotage per renderla anche graziosa e funzionale. La parola d’ordine diventa quindi: ottimizzazione degli spazi. In questi casi uno dei mobili più ingombranti negli spazi piccoli è proprio il letto.

Il letto a scomparsa.

Se la camera da letto deve necessariamente diventare anche una zona giorno o uno studio è necessario recuperare più spazio: un letto, matrimoniale o singolo, diventerebbe davvero troppo ingombrante all’interno della stanza. Una soluzione pratica e intelligente (ma anche bella e funzionale) è quella del letto a scomparsa roma.

(more…)

Assistenza caldaie Roma, oltre alla manutenzione ordinaria quando si deve intervenire

Secondo la normativa DPR 74/2013, qualsiasi tipo di impianto termico deve essere sottoposto a controlli e manutenzione periodici il che comporta dei costi che bisogna mettere in conto nell’ambito della gestione finanziaria domestica.

Affinché questi controlli siano eseguiti a norma, vi è la necessità di rivolgersi all’assistenza caldaie Roma in quanto, solo un tecnico specializzato ha la facoltà di mettere mano all’impianto, bandendo definitivamente il fai da te.

Trovare personale esperto e preparato non è poi così complicato soprattutto se ci si affida al web: richiedi assistenza per caldaie su www.idroclimateam.it e in breve tempo potrai espletare tutti gli adempimenti legislativi, oltre ad avere la certezza che il tuo impianto venga controllato attentamente in modo da risolvere anche eventuali problematiche occorse.

Attenzione però, la normativa si riferisce ad un impianto termico, in riferimento a tutti quelle apparecchiature tecnologiche fisse e che vengono destinate al servizio di climatizzazione estiva o invernale di un ambiente, intendendo quindi, anche quelle con o senza produzione dell’acqua sanitaria calda.

Considerato quanto appena detto non si possono considerare impianti termici quelle stufette mobili e tutti quei sistemi che sono impiegati per la produzione di acqua calda, come ad esempio i boiler e gli scaldabagno.

Infatti, su questi ultimi non si dovranno effettuare alcuni controlli previsti dalle normative.

Chi si occupa della manutenzione delle caldaie

assistenza-caldaie-Roma

Quando è necessaria una manutenzione ordinaria o straordinaria per una caldaia è bene contattare l’assistenza caldaie Roma.

Tutto quello che concerne l’impianto termico (la conduzione, l’esercizio, il controllo e la manutenzione) è di competenza di un responsabile, ovvero colui che è ritenuto il responsabile della manutenzione dell’impianto termico che altri non è che l’occupante di un determinato immobile, normalmente il proprietario.

Se l’abitazione risulta locata, l’onere spetta all’inquilino, al comodatario o al locatario.

Qualora l’impianto fosse centralizzato (ovvero dove non sono presenti impianti termo/autonomi), allora il responsabile è l’amministratore del condominio.

Solitamente, il soggetto in questione non è competente in materia e di conseguenza si affida il compito ad un terzo responsabile, ovvero dei tecnici specializzati di un’impresa, che posseggono i requisiti previsti dalle normative: parliamo, cioè della figura del termoidraulico caldaista.

Assistenza caldaie Roma: con quale frequenza bisogna fare il controllo o la manutenzione

assistenza-caldaie-Roma

Prima di entrare nel dettaglio, è bene precisare che i controlli e la manutenzione non dovranno essere effettuati su caldaie spente o non in uso.

Ovviamente, ci dovrà essere una notifica alla Regione e la segnalazione sul libretto del non funzionamento di quell’impianto.

Ad ogni modo, periodicamente bisognerà effettuare due tipi di controlli:

  • La manutenzione – si tratta di tutta una serie di verifiche da parte dell’assistenza caldaie Roma, che servono per preservare nel tempo la prestazione di una caldaia e dei suoi componenti ai fini della sicurezza, del contenimento dei consumi energetici e della funzionalità. La frequenza con cui bisogna procedere con la manutenzione viene riportata sul libretto d’uso e di manutenzione dell’apparecchio. Praticamente la periodicità viene fissata dal fabbricante e riportata nel libretto d’uso, ma solitamente è fissata ogni anno. Al termine del controllo, il manutentore dovrà rilasciare un resoconto di tutte le verifiche che ha effettuato e compilare il libretto di impianto nelle sezioni apposite, operazioni, queste, che sono imposte dalle normative vigenti;
  • Il secondo e ultimo controllo è quello sull’efficienza energetica o anche conosciuto come prova fumi o bollino blu verde – si tratta di una verifica sull’efficienza energetica dell’intero impianto e, oltre a ciò, dovrà essere redatto un rapporto di controllo (obbligatoriamente). A livello pratico, tale verifica dovrà essere effettuata ogni due anni se l’impianto è alimentato a combustibile liquido o solido (legna, gasolio o pellet), mentre ogni quattro anni se è alimentato a gas (metano o GPL).

Oltre a quanto appena detto, il controllo sull’efficienza energetica dovrà essere effettuato:

  • prima di mettere in funzione un impianto,
  • quando sono state fatte delle modifiche per quanto riguarda proprio l’efficienza energetica.

Alla fine di queste operazioni l’assistenza caldaie Roma dovrà redigere e sottoscrivere un rapporto di controllo dell’efficienza energetica in tre copie, delle quali:

  • Una viene trattenuta dal manutentore professionista;
  • L’altra viene data al responsabile dell’impianto che dovrà allegarla al libretto di impianto;
  • L’ultima copia verrà spedita all’autorità competente per le ispezioni e a questa copia si allega inoltre il bollino blu che serve per coprire i costi delle ispezioni.

Volantinaggio Napoli centro: strategie mirate sul territorio

volantinaggio-napoli-centro

Sono in molte le aziende che scelgono di puntare sul volantinaggio Napoli centro: il motivo? Questa strategia di marketing non è mai tramontata, se così possiamo dire: la comunicazione offline si basa su metodi precisi per raccogliere quanti più potenziali clienti possibili. E non tutti i clienti hanno ceduto al fascino della tecnologia, dei social media o dei motori di ricerca.

La distribuzione di materiale pubblicitario deve avvenire seguendo un iter ben preciso: comunicare porta a porta, infatti, ha una sua potenza, che va sfruttata grazie al marketing. Sotto questo punto di vista può aiutarti Studio Senese, che sono esperti in volantinaggio e che offrono strumenti di geomarketing avanzati per avviare la tua campagna di volantinaggio di successo.

Volantinaggio Napoli centro: cosa sapere

Il volantino deve essere efficace, e questa è una regola che si può applicare in qualsiasi contesto. Andando ad approfondire la strategia di volantinaggio sul territorio, scopriamo tuttavia che possono cambiare alcuni fattori: dobbiamo infatti approfondire il concetto di comunicazione per zona.

Siamo abituati a conoscere gli strumenti convenzionali offline, eppure sono fissi negli schemi, il che ci pone nella condizione di non sfruttare la campagna di volantinaggio come vorremmo. Dal momento in cui l’obiettivo è attrarre i potenziali clienti, come cambia la comunicazione in base al luogo in cui ci troviamo?

Studio Senese, che ha alle spalle un’attività decennale, ha scelto di puntare sul geomarketing, un potente strumento che ci spiega come avviare una campagna di volantinaggio di successo. Soprattutto, però, il loro modo di comunicare varia in base alla zona in cui operano: in questo modo sei certo di riuscire a conquistare il tuo target.

Quante strategie di volantinaggio esistono

Il volantino è ancora tutt’oggi un potente strumento. Nella creazione di un volantino funzionale (e anche accattivante) è importante tenere presente alcuni fattori. Anzitutto, bisogna essere coerenti con il messaggio pubblicitario.

In ogni caso, possiamo optare per una campagna di volantinaggio nelle caselle di posta, o ancora in pieno centro città, o in zone e quartieri specifici. Agli inizi, è importante effettuare una mappatura della città, così come delle abitudini di acquisto dei clienti e il target: conosci a chi vendi i tuoi prodotti? Questo è uno dei fattori principali da considerare.

Volantinaggio nelle caselle di posta a Napoli

Il volantinaggio nelle caselle di posta è tutt’oggi un grande classico, ed è anche un modo molto efficace per pubblicizzare un nuovo prodotto, servizio, un’apertura. Alla base, dobbiamo comunque lanciare un messaggio ben preciso, che sia coerente e accattivante al contempo. Spesso, si sceglie anche di inserire tutte le informazioni in una singola pagina.

Volantinaggio in centro città a Napoli

Dal momento in cui una singola campagna di volantini non è quasi mai sufficiente, è essenziale realizzarne di più, e spesso in presenza, magari nei punti nevralgici della città, come il centro. In questo modo si ha la possibilità di attrarre maggiori potenziali clienti, ma non solo: di farsi conoscere e apprezzare, magari condividendo i valori del proprio brand.

A chi affidare la campagna di volantinaggio? Solo ai migliori

Studio Senese ti offre la possibilità di strutturare la tua campagna di volantinaggio secondo uno schema ben preciso: dall’organizzazione fino alla conoscenza del territorio, dispongono di strumenti di geomarketing molto specifici per individuare la zona migliore in cui avviarla.

Ed è proprio la conoscenza del territorio il loro punto di forza, che è stato acquisito nel corso degli anni. Perché per un servizio completo, per ottenere un buon riscontro da parte dei clienti, è essenziale monitorare la campagna, grazie anche ai loro tecnici interni di geomarketing, che sfruttano programmi statistici demografici molto avanzati. Investi su una strategia mirata nel territorio: consolida la tua brand identity e inizia a farti conoscere, magari anche grazie al supporto di una web agency.

È meglio investire in azioni o obbligazioni?

Alcuni pensano che le azioni rendano di più rispetto alle obbligazioni ma, allo stesso tempo, le ritengono meno rischiose. Tutto ciò è vero? Scopriamolo subito.

Alcune regole generali che non corrispondono a certezze

Parlando in termini generali è possibile dire che, generalmente, le azioni rendono maggiormente rispetto ai bond. Ciò è possibile in base al rischio che si corre investendo in tali prodotti finanziari che è sempre più alto rispetto a quello che si corre con le obbligazioni. Per tale motivo il rendimento risulta maggiore.

In finanza, però, non esistono ricette facili o regole che garantiscano con certezza tale assioma. Scopriamo perché. I bond non sono scevri da rischi e ci sono mercati particolarmente insidiosi che sovvertono la regola. Infatti non è raro vedere rendere tali prodotti di più rispetto all’azione. Ciò è già successo diverse volte all’inizio del nuovo secolo. Un caso riguardo l’11 settembre e l’altro determinate politiche monetarie che hanno permesso il rigonfiamento dei prezzi legati alle obbligazioni.

Le borse preferiscono le obbligazioni a lungo termine ma, ovviamente, il periodo non è sempre definito e può variare da 5 fino a 10 anni.

Investire a 10 anni non sempre è sufficiente

Per capire meglio la questione è bene partire da un esempio che sia altamente affidabile, quindi, è necessario farlo tenendo conto dei valori della Borsa Usa. Possiamo immaginare un investitore che abbia deciso di investire su Wall Street 10mila dollari. La sua idea è di riprendere il capitale dopo 10 anni dalla data dell’operazione.

Negli anni Novanta tale investimento ha prodotto buoni risultati, mentre all’inizio del 2000 la cifra si aggira su 59 mila dollari circa. Se lui avesse scelto dei bond avrebbe ricavato solo 27 mila dollari lordi, invece, se avesse messo i suoi 10mila dollari, nel 1998, in borsa, dopo 10 anni avrebbe avuto solo 15 mila dollari.

Tali oscillazioni producono determinate considerazioni che ora andremo ad analizzare. Prima di tutto le azioni possono dare più soddisfazione rispetto ai bond ma 10 anni non è un periodo sufficiente per poter affermare la convenienza rispetto all’obbligazione. In ultimo questi 10 anni potrebbero rivelarsi dannosi per il conto in banca poiché le azioni possono perdere in maniera vertiginosa.

Chi vince tra azioni e bond su 10 anni?

Dopo un investimento decennale sulla Borsa Usa il capitale finale investito non sempre è riuscito a battere altri capitali impegnati in bond americani per lo stesso periodo.

Che succede se si investe per 20 anni?

Se il periodo da 10 sale a 20 si verifica un fatto positivo. Infatti anche l’investitore più sfortunato riesce a recuperare almeno i 10 mila euro. Nel confronto tra bond e azioni, però, anche stavolta non è possibile dare delle certezze poiché vi sono casi in cui alcuni prodotti rischiosi riescono a fare meglio di altri a capitale garantito.

Valutando l’operazione su singole obbligazioni o azioni il discorso cambia. A tutte le variabili già valutate se ne devono aggiungere altre legate ai fattori sociali in cui si crede e anche su questioni politiche non di poco conto.

Su 20 anni vincono le azioni o i bond?

Sul periodo dei 20 anni le azioni riescono a restituire almeno ciò che viene investito inizialmente e ciò non accade sui 10 anni. Anche in questo caso, però, non sempre si riesce a competere con il discorso bond.

Allora cosa è giusto fare?

L’esempio riguardo al mercato Usa spinge a puntare sulle azioni ma tutto ciò, come si può capire, non è sufficiente. L’ideale è cercare di diversificare con i bond valutando quanto i prodotti possano influire su eventuali perdite, ovviamente, tenendo conto del mercato di investimento.

Scup Pad: cos’è

I gameplayer sapranno certamente che uno Scuf Pad è un controller di ultima generazione, pensato per agevolare la vita del giocatore grazie alla possibilità di personalizzare i tasti, un aspetto limitato nei controller di serie di PlayStation. Chi ha cliccato per caso sulla tastiera questo nome scoprirà per la prima volta che un giocatore riscontra numerose difficoltà per riuscire ad essere competitivo con gli altri gamer presenti online. La sfida continua tra gamer mette a dura prova le capacità di ogni utente, il quale è costantemente alla ricerca di strumenti che agevolino la creazione di una vita virtuale. Scherzi a parte, gli appassionati di PlayStation sapranno con certezza che la nuova generazione di controller è rappresentata dallo Scuf Pad. Scopriamo insieme cosa contraddistingue questo controller da quelli di serie firmati PS4.

Scuf Pad: lo voglio!

Per competere con i giocatori che utilizzano il computer e possono personalizzare a loro piacimento la tastiera è necessario attrezzarsi con le nuove tecnologie messe in campo proprio per te. L’inserimento di nuovi tasti direttamente sul controller Scuf Pad ha migliorato parecchio il movimento delle dita mentre la mappatura personalizzabile è il vero punto di forza di questo controller.

Quanto costa uno Scuf Pad

Possedere uno Scuf Pad è il sogno di tutti i console-player, però il suo prezzo di vendita può essere una nota dolente per i più giovani. I progressi in gioco ottenuti grazie allo Scuf Pad sono impensabili per chi non l’ha mai provato, però per averlo è necessario spendere anche più di 200 euro e certamente i genitori non saranno contenti di questa ulteriore richiesta.

Perché è meglio giocare con uno Scuf Pad

Rispetto all’utilizzo di un controller tradizionale, lo Scuf Pad ti permette di correggere alcuni errori che fai giocando ad esempio a Call Of Duty, il top in termini di giochi sparatutto. Grazie allo Scuf Pad puoi mantenere il pollice posizionato sull’analogico del mirino e mappare i tasti aggiuntivi con le funzioni del drop e del salto e il gioco è fatto.

Scuf Pad: quale scelgo

I modelli di Scuf Pad per PlayStation presenti in commercio sono davvero tanti, però se decidi di non spendere cifre da capogiro potresti optare per lo Strike Pack, dotato di ben due tasti aggiuntivi e proposto a circa 50 euro. Se desideri fin da subito acquistare uno Scuf Pad di qualità dovresti puntare sul marchio Razer, il quale ha progettato ben due controller per PlayStation ed entrambi sono tra i più richiesti nei tornei mondiali di Call Of Duty. Se utilizzi uno Scuf Pad Razer Raiju puoi creare diversi profili e personalizzare i tasti in base all’utilizzatore, un’idea meravigliosa se in famiglia ci sono più di un appassionato gamer.

I modelli di Scuf Pad compatibili con Xbox sono di meno rispetto a quelli pensati per PlayStation. Un controller con un ottimo rapporto qualità/prezzo per Xbox è Xbox Elite, progettato da Microsoft per i gamer più esigenti. Un prezzo di vendita che supera i 100 euro ma resta contenuto è quello di Razer Wolverine modello Tournament, di elevata qualità. Gli utilizzatori ne sono entusiasti e affermano di non poterne fare più a meno.

Acquistare uno Scuf Pad si o no: conclusioni

Chi non vuole spendere per acquistare uno Scuf Pad dovrebbe utilizzare il controller originale PlayStation o Xbox, mentre chi desidera accrescere le proprie competenze virtuali ha l’occasione di sfruttare le potenzialità di controller all’avanguardia progettati da Razer.

Traduzioni giurate: quando sono necessarie

traduzioni-giurate

Le traduzioni giurate sono un tema molto chiacchierato online e il motivo è semplice: sono sempre più richieste e necessarie in diversi ambiti di lavoro. A occuparsene tra i migliori sul mercato c’è Translations Universe che con una squadra di oltre 5.000 traduttori esperti in 33 lingue differenti, offre una copertura totale grazie ad 870 combinazioni linguistiche divise in 16 settori. Con operatività 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, il portale di Translations Universe è pronto ad aiutarti ad avere successo tramite documenti curati nel dettaglio.

Traduzioni giurate: cosa sono

Tra i tanti servizi offerti da https://www.translationsuniverse.com/ c’è quello delle traduzioni giurate. Si tratta di documenti con valore legale redatti da professionisti che testimoniano con la propria firma un vero e proprio giuramento in cui viene attestata la precisione nella traduzione con lo scopo di riportare esattamente nella traduzione il significato completo del documento originale. Vengono utilizzate in diversi settori e per essere valide a tutti gli effetti ha necessità di una firma del traduttore e di una marca da bollo ogni 4 pagine, oltre ad un verbale di giuramento redatto in cancelleria.

Traduzioni giurate: quando servono

Sono diversi gli ambiti di applicazione delle traduzioni giurate, tra i più comuni ci sono documenti privati o legati ad un’azienda o una istituzione che coinvolgono più Paesi. Per poter giurare una traduzione è necessario che la lingua di partenza o quella di arrivo sia l’italiano, per questo motivo in caso non sia così il traduttore dovrà effettuare prima una traduzione da lingua straniera all’italiano e successivamente procedere con una traduzione dall’italiano a un’altra lingua straniera. I settori in cui viene applicata la traduzione giurata sono molteplici e tra i più comuni ci sono: atti legali, bilanci, certificati di carichi pendenti, titoli di studio, referti medici, documenti testamentari e certificati di nascita ma anche patenti, dichiarazione dei redditi e molto altro.

Dove acquistare il servizio di traduzioni giurate

Se stai cercando dove acquistare il servizio di traduzione professionale a prezzi accessibili dai un’occhiata al sito translationsuniverse.com – Questo portale specializzato è diventato il braccio destro delle aziende e il motivo è semplice: riesce a unire la qualità del lavoro a tariffe scalabili. Non si rinuncia alla qualità ma si può acquistare ad un prezzo dedicato, così Translations Universe fidelizza le aziende che sanno di poter trovare una squadra di traduttori preparata, attenta e disponibile. Con 33 lingue disponibili e 870 combinazioni riesce a mixare software e conoscenza umana dando vita a traduzioni impeccabili. La forza non è data solamente dal prezzo accessibile ma soprattutto dalla squadra al lavoro: fanno parte del team 5.000+ traduttori provenienti da tutto il mondo che vantano poi una specializzazione in uno o più dei 16 settori di competenza a disposizione. Dopo un periodo di prova e un’attenta analisi i traduttori entrano a far parte della squadra di Translations Universe promettendo qualità, puntualità e ovviamente tutela dei documenti visionati.

Quali sono i servizi in cui Translations Universe è leader? Sicuramente la traduzione giurata che risulta uno dei servizi più richiesti ma l’azienda si occupa anche di traduzioni finanziarie e legali. In questi ambiti ci sono traduttori con studio e formazione nel settore e non solo competenza linguistica; la forza di Translations Universe è di scegliere madrelingua o esperti linguisti con competenze settoriali che permettono di padroneggiare un linguaggio settoriale. Grande attenzione viene posta anche nei riguardi di settori come la moda, il lifestyle e la tecnologia. Ultima proposta che ti segnaliamo prima di visitare il sito translationsuniverse.com è la possibilità di utilizzare il plugin WPML: praticamente collega direttamente i tuoi testi con la piattaforma così da avviare direttamente l’ordine della traduzione e velocizzare il lavoro.

 La dama, le regole per giocarci al meglio

Il gioco della dama ha origini molto antiche e nel corso degli ultimi anni è di nuovo tornato in auge anche in Italia, dove ne esistono 3 varianti. La dama italiana, con scacchiera da 64 caselle che si gioca solo in Italia, quella internazionale, con una scacchiera da 100 caselle e che viene giocata anche in altri paesi europei, tra i quali l’Olanda, la Germania e la Francia e la dama inglese, arrivata in Italia da pochi anni. Per i tornei ed i confronti a carattere internazionali e viene utilizzata la scacchiera da 100 caselle. Vediamo insieme alcune regole per giocare a dama italiana

Le 10 regole per giocare

La damiera per la dama all’italiana è composta da 64 caselle disposte alternativamente per colore tra bianche e scure, ed il suo posizionamento prevede che l’ultima casella in basso a destra sia di colore nero. Ogni giocatore all’inizio della partita ha a sua disposizione 12 pedine, bianche o nere, ma comunque di colore diverso da quelle del suo avversario e le colloca sulle caselle scure delle prime 3 righe dal suo lato della damiera. Dato che l’inizio della partita spetta sempre al giocatore con le pedine bianche, per stabilire i colori dei due avversari viene effettuato un sorteggio.

La mossa delle pedine avviene di una sola posizione in avanti, in diagonale e sulle caselle scure. Quando una delle pedine riesce a raggiungere una casella dell’ultima riga dal lato dell’avversario diviene una dama e questo viene confermato dalla sovrapposizione di una seconda pedina sulla prima. Da quel momento la dama può muoversi anche all’indietro. Per “mangiare” una pedina avversaria e toglierla quindi dal gioco, la pedina può farlo solo ed esclusivamente in diagonale e a condizione che dopo la pedina che deve essere mangiata si trovi una casella libera dove posizionare la propria.

Quando, successivamente alla “presa”, ci sono altre pedine avversarie che si possono “mangiare” si deve continuare a farlo, evitando di togliere la mano dalla propria pedina. Questa situazione è denominata “presa multipla”. Una volta effettuata la “presa” le pedine avversarie coinvolte si tolgono dalla damiera. Anche la dama ha gli stessi movimenti delle pedine e può effettuare le prese sia in avanti che all’indietro, spostandosi in tutte le direzioni, con la possibilità di “mangiare” anche le dame avversarie, mentre non può essere “mangiata” dalle pedine avversarie.

Quando una pedina o una dama ha una possibilità di “presa”, lo deve fare seguendo delle priorità. Un obbligo è quello di “mangiare” dove si trovano un maggior numero di pezzi avversari, un altro quello di “magiare” la dama quando ci sono possibilità di presa sia di una pedina che una dama. Naturalmente questo obbligo vale solo per le dame. Quando la stessa presa sia possibile sia con la pedina che con la dama deve essere effettuata utilizzando quest’ultima.

Tra le prese possibili della dama è obbligatorio scegliere quella dove vengono “mangiate” il maggior numero di dame. Se esiste una parità di condizioni si deve scegliere quella dove la dama avversaria viene incontrata per prima. Un’altra regola è quella relativa alla sistemazione di un pezzo sulla damiera che si può effettuare solo dopo aver dichiarato “acconcio” attendendo successivamente l’ok da parte dell’avversario. Infatti esiste la regola chiamata “Pezzo toccato = Pezzo mosso” secondo la quale ognuno dei giocatori, quando è il suo turno deve muovere obbligatoriamente il pezzo toccato.

La fine della partita a dama

La partita si conclude con una vittoria quando l’avversario abbandona il gioco, oppure quando si riescono a bloccare o catturare tutte le pedine dell’avversario. Quando sulla damiera esiste una evidente situazione di equilibrio, i due giocatori possono accordarsi per un pareggio con ripartenza. In caso di tornei questa decisione può essere presa dall’arbitro dell’incontro.

Compro oro Milano Duomo: come calcolare la quotazione dell’oro 18 carati

compro-oro-duomo-milano

Il Compro Oro Milano Duomo è uno delle boutique più affidabili in cui recarsi per vendere il proprio oro. Da sempre, questo metallo prezioso è uno dei migliori su cui investire, in particolare nei tempi difficili, in cui molti valori in borsa possono scendere in modo abbastanza inevitabile. Nel momento in cui si desidera rivendere il proprio oro, tuttavia, dobbiamo prestare attenzione ad alcuni aspetti essenziali, come la quotazione. Che cos’è?

Sapere come viene stabilito il prezzo dell’oro è in effetti importante per chi ha scelto di investirci, ma non solo. Ci sono persone che magari talvolta vogliono vendere l’oro, ma non conoscono la sua quotazione. Il fixing oro è il metodo in cui viene determinata, due volte al giorno, a Londra, presso la London Bullion Market Association, che si occupa anche di fissare la quotazione di altri metalli, come l’argento, il platino. Su compro-oro.it, è possibile scoprire la Boutique del Gioiello e i suoi servizi.

Compro Oro Milano Duomo, quali servizi offre

I servizi offerti dal Compro Oro Milano Duomo sono molteplici. Il Compro Oro, in realtà, si occupa di solito di vari gioielli e accessori – come gli orologi di lusso e di prestigio – e non solo dunque di uno dei metalli più preziosi di sempre. Il servizio di oreficeria rimane certamente il più diffuso, ma non mancano esperti di alta gioielleria, soprattutto specializzati in diamanti e gemme preziose naturali.

Uno dei mercati più difficili su cui investire è quello dei diamanti, per i costi elevati, ma è bene sapere che è al contempo uno dei più affidabili. Da sempre considerato come un “rifugio”, alla Boutique del Gioiello è possibile valutare diamanti certificati e tanto altro.

Cosa sapere sul valore dell’oro

Sempre più persone scelgono di vendere il proprio oro usato. Ma come si calcola il valore dell’oro? In effetti, ci sono diversi metodi per capire qual è il suo prezzo: va calcolato il numero dei carati; va calcolata la quantità dell’oro in grammi; infine, bisogna conoscere il valore attuale dell’oro.

Come possiamo sapere i carati del nostro oro? Dovrebbe esserci presente un timbro, un numero inciso sul gioiello. Circondato da un rombo, quantifica la presenza di oro all’interno dell’oggetto. L’unità di misura, in ogni caso, si esprime in carati o in finezza.

Talvolta le cifre possono essere illeggibili, pertanto si consiglia di far valutare l’oro a un orefice esperto, anche e soprattutto per evitare delle truffe in Compro Oro poco affidabili. Per quanto riguarda le monete d’oro, dobbiamo tenere invece conto del valore numismatico e possibilmente ottenere un certificato di autenticità.

La quotazione dell’oro a 18 carati: cosa sapere

La quotazione dell’oro al grammo è effettuata ogni giorno, due volte al giorno, al Bullion Market Association di Londra. Mediamente, l’oro 18 carati ha un prezzo leggermente più basso rispetto all’oro puro, ed è inferiore di circa il 25% rispetto all’oro a 24 carati.

La quotazione in tempo reale dell’oro deve sempre essere controllata prima di recarsi a un Compro Oro per vendere i propri gioielli. La quotazione oro 18k è tra le più consultate di sempre, perché è anche presente in numerosi gioielli, sfruttando proprio per la loro creazione.

Come vendere il proprio oro in sicurezza?

Dopo aver approfondito il fixing oro e la quotazione, è bene capire come poter vendere il metallo prezioso senza rimanere truffati. Oltre a investire negli immobili, molte persone scelgono di puntare a un tesoretto prezioso, da rivendere al momento giusto per poi investire nuovamente o spendere i propri meritati risparmi.

Prima di andare a un Compro Oro, è essenziale prendersi del tempo per verificare il peso del gioiello, controllare la quotazione oro attuale e leggere le recensioni del negozio in questione. Bastano pochi minuti e si può fare un check rapido sul web.

Un altro aspetto a cui prestare attenzione è la presenza della bilancia a vista, così da verificare che l’avvenuto peso. L’esperto presente nel Compro Oro deve controllare la quotazione del metallo prezioso insieme a te: diffida anche da chi non richiede i documenti o da chi non rilascia un atto di compravendita dell’oro. Ci sono pochi aspetti a cui fare attenzione, ma sono fondamentali per non rimanere truffati.

Siti web Crema: come fare SEO in modo efficace e intelligente

siti-web-crema

Come possiamo fare SEO in modo intelligente, mettendo in campo una strategia super efficace? La logica dei motori di ricerca non è semplice da comprendere nell’immediato, e anzi può diventare un problema, soprattutto se non abbiamo le nozioni base SEO. Cosa fare a questo punto? Rivolgersi a un’agenzia di siti web Crema è un primo passo.

Dalle parole chiave fino all’ottimizzazione del proprio sito per i dispositivi mobili, dal posizionamento in SERP fino alla campagna SEO, ci sono tanti aspetti da considerare. Senza considerare i contenuti, che vanno scritti in ottica SEO e che devono proporre il massimo della qualità. Ciò significa che non possono essere usati contenuti copiati. Se vuoi lanciarti in un’attività online, fai un salto su www.xbaccosolution.net: il tuo supporto per il web.

Come fare SEO?

Molte persone credono erroneamente che sia semplice fare SEO: cosa ci vuole? Solo perché magari abbiamo una buona base tecnologica, tuttavia, non significa che saremo in grado di arrivare a posizionarci sui motori di ricerca. Tutt’altro, perché potremmo avere problemi sul lungo termine.

Per pianificare una strategia SEO, abbiamo bisogno naturalmente di scegliere le parole chiave giuste, analizzando il volume di ricerca e anche la competitività. Sì, non possiamo sottovalutare la potenza dei nostri competitor: chi sono? Contro chi ci stiamo per scontrare? Sono domande essenziali, con cui si può ragionare insieme a una web agency specializzata.

L’ottimizzazione di un sito web: quanto è importante?

Poniamo il caso di un e-commerce. Hai un negozio online, o magari vuoi lanciarlo. Ovviamente, ti starai chiedendo la seguente domanda: come faranno i clienti a trovarmi? Questo è il fulcro di tutto, della SEO, della SEM, delle campagne AdWords. Rispetto a un negozio fisico, di fronte al quale possono passare ogni giorno centinaia, se non migliaia di clienti, un negozio online ha bisogno di alcune spinte per essere trovato.

Queste spinte possono ovviamente darle i motori di ricerca come Google o anche i social media, come Facebook o Instagram. In ogni caso, un sito web va considerato nel complesso come un investimento: devi essere pronto a rispondere alle esigenze della clientela, così come devi investire su te stesso, credere nel tuo progetto. Perché nessuno lo farà per te.

Content is King: i contenuti devono sempre essere originali e accattivanti

Cosa c’è dietro a un articolo o a una pagina su un sito web? Un attentissimo lavoro di analisi, non solo della parola chiave, ma anche delle correlate, delle secondarie. Soprattutto, però, c’è la qualità: Bill Gates aveva detto ormai qualche anno fa che Content is King, e questa frase vale ancora oggi. Soprattutto oggi, dal momento in cui il web è diventato estremamente trafficato.

I contenuti originali e accattivanti, dunque non copiati, ottimizzati con tag, ma anche con link di qualità, possono portare i clienti a sceglierti, ad acquistare i prodotti o i servizi che offri, e al contempo ti danno una spinta importante sui motori di ricerca.

Siti web Crema, a chi affidarsi?

Dobbiamo sottolineare l’importanza di richiedere l’aiuto e il supporto di un’agenzia web specializzata in SEO. Che tu voglia realizzare un sito web o un portale shopping come un e-commerce, hai bisogno di qualcuno che ti guidi nell’ottimizzazione sui motori di ricerca.

Creare un sito web di qualità è l’unico modo per accattivarsi Google: ovviamente, i risultati ci saranno con il tempo, e si potranno osservare dei benefici importanti, come l’aumento del fatturato, il consolidamento della brand identity e un potenziale di clienti enorme. Sotto questo punto di vista, XBaccoSolution è un punto di riferimento per chiunque voglia approdare sul mondo del web e soprattutto sfruttare le migliori strategie SEO per posizionarsi sui motori di ricerca.